martedì 18 luglio 2017

Il Consiglio comunale ha approvato l’ipotesi di bilancio quinquennale stabilmente riequilibrato. Il presidente Alparone: “Atto di grande rilievo, base di partenza per il rilancio della città”


Il Consiglio comunale, nel corso della lunga seduta di ieri sera, ha approvato con 21 voti favorevoli e due astenuti l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato per l’esercizio finanziario 2012 – 2016. Il provvedimento, esitato il 3 luglio dalla Giunta municipale con una “modifica migliorativa” rispetto a quello votato dalla stessa lo scorso aprile, aveva ricevuto il parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti e l’ok a maggioranza della I commissione consiliare. Sull’argomento i consiglieri della maggioranza – intervenuti il presidente della commissione Gaetano Lo Nigro, Sergio Domenica, Luca Di Stefano, Andrea Bizzini, Oriella Barresi, Roberto Gravina, Maria Di Costa, Antonio Montemagno, Piera Iudica e Valentina Messina – hanno plaudito all’azione dell’Amministrazione, sottolineando “la grave eredità ricevuta dagli esecutivi precedenti sino alla metà del 2012 e l’importanza del provvedimento, frutto di un lavoro articolato e di grande e proficuo impegno, come essenziale elemento per il migliore futuro della città, che ha imboccato la strada giusta”. Diversificate, invece, le posizioni dell’opposizione: il gruppo “Caltagirone Bene in Comune” (intervenuti Cristina Navarra e Aldo Lo Bianco), pur esprimendo riserve sull’operato dell’Amministrazione, ha detto sì “perché vogliamo che si chiuda una fase buia e mortificante per la nostra città”; favorevole Lara Lodato del Movimento 5Stelle “per senso di responsabilità, ma ora – ha aggiunto - fiato sul collo della Giunta”. Nel gruppo “Per la città che vogliamo” Vincenzo Di Stefano e Mario Polizzi, critici “sul trionfalismo della maggioranza”, si sono astenuti “per persistenti dubbi sul metodo seguito e sul merito, in particolare sull’attendibilità delle soluzioni proposte”. Gli altri due consiglieri dello stesso gruppo, Marco Failla e Simone Amato, pur in polemica con la maggioranza, hanno votato sì “perché rassicurati dal parere favorevole dei revisori” (illustrato dal presidente Carlo D’Alessandro). Il provvedimento sarà inviato al ministero degli Interni, cui spetta la definitiva approvazione.
                                 

“Si tratta di un atto di grande rilievo – ha commentato, a margine della seduta, il presidente del Consiglio Massimo Alparone - che non rappresenta, però, un punto d’arrivo, ma la necessaria base di partenza per il rilancio del Comune e della città. Ringrazio i consiglieri per l’attento e rigoroso esame del provvedimento, l’ufficio, i revisori e l’assessore Giaconia per l’efficiente ed efficace lavoro svolto, confermato dal voto quasi unanime dell’assise. Ci sono tutte le condizioni per ben sperare nell’approvazione definitiva da parte del ministero”. In apertura di seduta Lara Lodato aveva esortato la Giunta “a un più attento controllo del territorio”, mentre Vincenzo Di Stefano aveva dissentito sulle ragioni d’urgenza con cui era stato convocato il Consiglio.

Caltagirone, 18 luglio 2017
UFFICIO STAMPA

Ufficio stampa: Mariano Messineo; Tel. 093341345 – 335/5327046
E – mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com

venerdì 14 luglio 2017

Approda in Consiglio Comunale l'ipotesi di Bilancio di previsione stabilmente riequilibrato per l'esercizio finanziario 2012-2016

Lunedì 17 Luglio 2017 alle ore 18:00 inizieranno i lavori del Consiglio Comunale sulla proposta della giunta n°60 "ipotesi di Bilancio di previsione stabilmente riequilibrato per l'esercizio finanziario 2012-2016". Compito dei consiglieri comunali è quello di valutare la proposta ricevuta dalla giunta, la quale ha già avuto parere favorevole del collegio dei revisori dei conti. Sarà il primo caso in Italia in cui i consiglieri comunali saranno chiamati a valutare un ipotesi di bilancio di previsione stabilmente riequilibrato,relativo a ben 5 anni! Il mio più grande auspicio è che questo atto segni in maniera netta lo spartiacque tra il periodo di crisi che ha vissuto la nostra città e un futuro che ridia il lustro meritato alla nostra  "città  gratissima"



venerdì 7 luglio 2017

Parere favorevole dei revisori dei conti alla modifica migliorativa dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato degli ultimi cinque anni: provvedimento domani in commissione e poi in Consiglio

Il Collegio dei revisori dei conti (presidente Carlo D’Alessandro, altri componenti Maurizio Zimbone e Guido Naghel) ha depositato oggi il proprio parere favorevole alla modifica migliorativa dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato su base quinquennale (dal 2012 al 2016), approvata dalla Giunta municipale. Il provvedimento sarà in I commissione venerdì 7 luglio: alle 16 di domani, infatti, la commissione, “aperta alla partecipazione di tutti i consiglieri” – informa il presidente dell’organismo consultivo permanente, Gaetano Lo Nigro – si riunirà per ascoltarne l’illustrazione da parte dell’assessore alle Finanze, Massimo Giaconia. “E’ un momento assai significativo per Caltagirone – aggiunge Lo Nigro – e sono certo che la commissione darà il proprio massimo contributo per giungere nel migliore dei modi all’agognato traguardo”. Dopo l’esame in commissione, l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato approderà in Consiglio. “Dopo diversi anni – afferma il presidente dell’assise cittadina, Massimo Alparone – giunge finalmente, con il parere favorevole del collegio dei revisori, prima in commissione, poi in Consiglio, un provvedimento di assoluta rilevanza per la città, che sono certo i consiglieri esamineranno e valuteranno con grande attenzione, nella comune consapevolezza dell’importanza che esso riveste per il futuro di Caltagirone”. Soddisfazione viene ribadita dall’Amministrazione comunale. “Il parere favorevole dei revisori, a conclusione di un’impegnativa e certosina attività – rileva il sindaco Gino Ioppolo -, conferma e consolida il grande lavoro da noi svolto sin qui per dotare il Comune e la nostra comunità di uno strumento indispensabile. E’ la vittoria – conclude il sindaco – di un assessore competente, disinteressato e appassionato come Massimo Giaconia”. “Missione compiuta – sottolinea lo stesso Giaconia, assessore alle Finanze – Ogni altro commento è rimesso alla sede istituzionale del Consiglio comunale”.

Caltagirone, 6 luglio 2017
UFFICIO STAMPA

mercoledì 28 giugno 2017

Via libera della Giunta municipale all’avviso pubblico per l’utilizzo dei beni immobili confiscati alla mafia: terreni agricoli per 32 ettari con annessi fabbricati saranno assegnati in gestione ad associazioni o cooperative Onlus

La Giunta municipale ha dato il via libera all’avviso pubblico per l’affidamento in concessione gratuita, per 20 anni, dei beni immobili confiscati alla mafia e trasferiti al Comune di Caltagirone, a favore di associazioni e/o cooperative Onlus o altri organismi simili.
Con la delibera ci si richiama alla circostanza che, con decreto del 6 novembre 2014, l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc) ha trasferito al Comune terreni agricoli, per circa 32 ettari, con annessi fabbricati rurali, sequestrati e confiscati secondo quanto previsto dalla normativa antimafia. La legge consente al Comune di amministrare direttamente il bene o, sulla base di apposita convenzione, di assegnarlo in concessione, a titolo gratuito e nel rispetto dei principi di trasparenza, adeguata pubblicità e parità di trattamento, a comunità, enti, associazioni maggiormente rappresentative degli enti locali, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, comunità terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendenti, associazioni di protezione ambientale e operatori dell’agricoltura sociale. Nell’atto si fa altresì riferimento alla delibera del commissario straordinario Mario La Rocca con cui, il 17 giugno 2015, gli immobili in questione furono acquisiti al patrimonio del Comune, e alla mozione presentata dal gruppo “Caltagirone Domani” – prima firmataria Oriella Barresi – ed emendata dalla conferenza dei capigruppo, approvata all’unanimità dall’assise cittadina il 9 gennaio 2017 e finalizzata all’utilizzo dei beni immobili confiscati alla mafia e trasferiti al Comune.
“Il miglior modo di combattere concretamente la mafia – sottolinea il sindaco Gino Ioppolo – è consegnare, con la massima celerità possibile, i beni confiscati a quanti, nel segno della trasparenza, potranno utilizzarli in funzione sociale e produttiva”.
“In questo modo – rileva il presidente del Consiglio comunale, Massimo Alparone – si dà corso a un preciso atto d’indirizzo su cui il civico consesso ha dimostrato una proficua unità d’intenti”.

Caltagirone, 28 giugno 2017


UFFICIO STAMPA


Ufficio Stampa: Mariano Messineo – Tel. 093341345 – 3355327046
E-mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com

giovedì 22 giugno 2017

Consiglio comunale: prossima seduta lunedì 26 giugno per trattare mozioni e aliquote tributarie


Convocato dal presidente Massimo Alparone, il Consiglio comunale si riunirà, in seduta ordinaria, come di consueto nell’aula “Luigi Sturzo”, alle 20 di lunedì 26 giugno, per occuparsi dei seguenti argomenti: mozione, primo firmatario Vincenzo Gozza, su “gestione stalli a pagamento e inadempienze contrattuali”; mozione, prima firmataria Lara Lodato, per l’attivazione gratuita del servizio informatico “Decoro urbano – We Du!” – Piattaforma on-line per la segnalazione del degrado urbano da parte dei cittadini; approvazione della bozza di regolamento sull’uso dei beni mobili comunali; conferma delle aliquote tributarie in materia di Imu, Tasi e addizionale Irpef per il 2017.



Caltagirone, 21 giugno 2017



UFFICIO STAMPA

Ufficio stampa: Mariano Messineo; Tel. 093341345 – 335/5327046
E – mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com

giovedì 1 giugno 2017

Consiglio comunale: prossima seduta lunedì 5 giugno per trattare due regolamenti e una mozione


Convocato dal presidente Massimo Alparone, il Consiglio comunale si riunirà, in seduta ordinaria, come di consueto nell’aula “Luigi Sturzo”, alle 20 di lunedì 5 giugno, per occuparsi dei seguenti argomenti: approvazione delle modifiche del regolamento del Sistema bibliotecario urbano del Comune; istituzione del Servizio comunale di tutela ambientale tramite la figura dell'ispettore ambientale comunale - approvazione regolamento; mozione, primo firmatario Vincenzo Gozza, su “gestione stalli a pagamento e inadempienze contrattuali”.

Caltagirone, 1 giugno 2017




UFFICIO STAMPA

Ufficio stampa: Mariano Messineo; Tel. 093341345 – 335/5327046
E – mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com

martedì 16 maggio 2017

Consiglio comunale: sì a mozioni sulla donazione di organi e per la riduzione del Cosap per i locali del centro storico che migliorano l’arredo urbano e/o organizzano eventi

Il Consiglio comunale di Caltagirone, nel corso della lunga seduta di ieri sera, ha trattato un’interrogazione e due mozioni. L’interrogazione, prima firmataria Maria Di Costa, ha riguardato “gli avvisi di pagamento errati dei passi carrabili” e, come spiegato dal vicesindaco Sergio Gruttadauria, “ha concorso alla soluzione della problematica”. 

Sì all’unanimità alla mozione del gruppo “Caltagirone Domani” che, illustrata da Oriella Barresi (“Occorre che anche il nostro Comune si avvalga della possibilità, offerta dalla legge, di inserimento sulla carta d’identità della scelta di ogni cittadino”), 

impegna l’Amministrazione “all’attivazione del servizio di registrazione della volontà dei donatori di organi e tessuti e all’assunzione di iniziative per la promozione della cultura della donazione consapevole”. Sull’argomento si è registrata larga condivisione, con interventi di Cristina Navarra, Vincenzo Di Stefano, Roberto Gravina, Sergio Domenica, Maria Di Costa, Gaetano Lo Nigro e Andrea Bizzini, Tutti d’accordo, sia pure con qualche differenza (per esempio, l’opposizione ha presentato alcuni emendamenti, in parte accolti, in parte non accettati dal gruppo proponente). Via libera all’unanimità pure alla mozione del gruppo “Per la città che vogliamo” così come emendata da Lara Lodato, dal gruppo di Forza Italia e altri consiglieri di maggioranza e dal gruppo “Caltagirone Bene in Comune”. Il documento, illustrato da Simone Amato (“L’obiettivo è assecondare e accrescere la capacità attrattiva, da un punto di vista turistico, del centro storico e favorire la nascita di nuove attività”), impegna l’Amministrazione “a proporre al Consiglio la modifica del regolamento Cosap (il canone che i pubblici esercizi che svolgono la propria attività anche all’esterno dei propri locali su aree di proprietà comunale, devono pagare) prevedendo, dopo che l’Ente sarà uscito dalla condizione di dissesto finanziario, ulteriori riduzioni o altre forme di agevolazioni a favore delle attività commerciali che pongano in essere iniziative per il miglioramento dell’arredo urbano e iniziative culturali, musicali etc… adeguate al contesto del centro storico, che concorrano alla sua rivalutazione e rivitalizzazione”. Anche l’Amministrazione, alla luce delle modifiche così introdotte, si è detta favorevole. Contemplata pure l’istituzione, in modo stabile e duraturo, di una zona a traffico limitato (Ztl). All’ampio dibattito hanno partecipato Lara Lodato, Roberto Gravina, Aldo Lo Bianco, Luca Di Stefano, Oriella Barresi, Maria Di Costa, Gaetano Lo Nigro, Sergio Domenica, Mario Polizzi, Vincenzo Di Stefano. Sergio Gruttadauria e l’assessore Francesco Caristia. Tutti d’accordo, sia pure con i distinguo del caso, ad eccezione di Lo Nigro, uscito dall’aula.
In apertura di seduta, l’assise si era occupata, con alcune comunicazioni, di numerosi temi: “La commemorazione della Giornata dell’autonomia siciliana, istituita nel 2010 dal presidente Lombardo e oggi sprone per un recupero culturale e politico dello spirito autonomistico” (Oriella Barresi); “L’abbandono dell’impianto sportivo di via Pirandello” e “le profonde preoccupazioni per la ricerca di idrocarburi che l’Eni intende attivare, anche nel nostro territorio, con pericolosi esplosivi” (Aldo Lo Bianco); la richiesta all’Amministrazione “di opporsi a questo disegno, nefasto per Caltagirone e il Calatino, che crea forti e legittime inquietudini” (Vincenzo Di Stefano); l’annuncio “della lodevole iniziativa che vedrà alcuni volontari darsi da fare per il recupero di una bambinopoli” (Roberto Gravina); “Le condizioni terribili in cui versano le strade urbane, piene di buche” (Mario Polizzi). Aveva risposto il vicesindaco Sergio Gruttadauria, annunciando “la prossima emanazione di un bando per la gestione della struttura sportiva, il forte impegno dell’Amministrazione per opporsi a ogni eventuale strategia contro il territorio, l’imminente avvio dei lavori di educazione stradale” e plaudendo all’iniziativa dei volontari, “pur sapendo che occorre poi evitare atti di vandalismo”.

Caltagirone, 16 maggio 2017

UFFICIO STAMPA


Ufficio Stampa: Mariano Messineo – Tel. 093341345 – 3355327046
E-mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com